Halloween: diamo un'occhiata in più ai nostri animali! PDF Stampa E-mail
Scritto da ventus85   
Lunedì 27 Ottobre 2014 21:34

Proteggiamo i nostri animali per HalloweenHalloween è alle porte. E' una festività anglosassone ma che trae le sue origine da alcune ricorrenze celtiche (il nome è la contrazione delle parole "All-Hallows-Eve"), poi diffusa negli Stati Uniti e, negli ultimi anni, in altri paesi del mondo. I festeggiamenti per questa festa possono variare da paese a paese.

 

Che sia una festa che vi piace, che vi attrae o che vorreste abolire non possiamo di certo ignorare il fatto che ogni anno quando ci si avvicina al 31 ottobre i negozi si riempono di costumi e di maschere e non si fa che parlare di feste organizzate per la vigilia di Ognissanti. Lo scopo della festa è quello di esorcizzare le paure, in particolare quella per la morte e di quello che ci può essere dopo.

 

Ma per alcune persone è anche l'occasione per torturare e sacrificare gli animali.

 

Gli animali (soprattutto gatti) che scompaiono, feriti o uccisi nei giorni antecedenti o nella notte di Halloween negli USA non sono pochi (anzi si stimano diverse migliaia), ma negli ultimi anni i casi sono aumentati anche in Italia.

I gatti di manto scuro sono quelli più ricercati (nel senso negativo) perché il gatto nero viene spesso associato alla sfortuna, alla stregoneria e al male.

 

Da un paio di anni in alcune zone del mondo e dell'Italia, per la notte di Halloween, vengono organizzate ronde di animalisti per la proteggere cani e gatti (soprattutto randagi)e vengono bloccate le adozioni di gatti. Infatti da alcuni anni sono comparsi, soprattutto su internet, annunci mirati di richieste di gatti neri, meglio se cuccioli, nel periodo che va da fine settembre a metà ottobre.

 

L’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA) ha stimato che ogni anno spariscono diverse migliaia di gatti neri e il picco dei rapimenti avviene proprio durante il periodo d'Ognissanti. Può capitare che, per dare meno nell'occhio, gli animali vengano portati via prima e poi tenuti segretati in attesa della "notte maledetta".

 

Per evitare che i vostri animali siano oggetti di dispetti, rapimenti e, alla peggio, torture e uccisioni ecco qualche raccomandazione:

  • nei giorni precedenti la festa e la notte stessa non lasciarli incustoditi fuori, soprattutto se sono gatti con il manto scuro o in prossimità di boschi, cimiteri e chiese sconsacrate.
  • se potete munite di targhetta (oltre al microchip) l'animale: così sia in caso di smarrimento sia in caso di confusione (nella notte di Halloween potrebbero anche usare petardi che li potrebbe spaventare) chi lo ritrova può riportarlo a voi sano e salvo.
  • non dateli in adozioni fino a quando non è passata la festa, soprattutto se sono per persone a voi sconosciute.
E ora qualche raccomandazione per non fargli vivere un incubo quello che per voi potrebbe essere una festa:
  • non fategli indossare costumini cuciti apposta per loro: agli animali non piacere essere vestiti e stretti nelle stoffe.
  • se volete organizzare una festa in casa cercate di non decorarla con zucche illuminati con candele perché il gatto potrebbe avvicinarsi incuriosito e bruciarsi le vibrisse.Se possibile tenete l'animale in una stanza dove non c'è la festa, starà più tranquillo e non ci saranno problemi.
  • cercate (in verità questo durante tutto l'anno) di non lasciare per terra carte di caramelle o di cioccolatini, perché se ingerite possono causare soffocamento o blocco intestinale.

 

Quest'anno l'AIDAA ha organizzato in diverse zone d'Italia oltre 60 squadre di volontari di AIDAA che presidieranno le zone a rischio dove negli scorsi anni si sono verificati azioni di sacrificio nella notte tra il 31 ottobre ed il 1 novembre. Questo anche perché hanno stimato la sparizione di oltre 2.000 gatti neri di cui 900 solo nelle ultime due settimane in particolare da Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche e Lazio.

 

Nel Valdarno per ora non sono stati riscontrati fenomeni di riti satanici e sacrifici di animali, solo qualche caso isolati.

 

Questo può far stare un po' più tranquilli i padroni di gatti e cani, ma è sempre meglio dare un occhio in più sui propri animaletti.

 
banner